Verso una metamorfosi

Da un po’ di tempo sono in crisi, forse si sarà intuito. Avete presente quella sensazione di stanchezza che diventa via via sempre più pesante e sfibrante, dovuta a troppi pensieri, progetti e problemi che si trascinano da mesi senza valide risoluzioni? Ecco, per questo e altri motivi non riesco a concludere un articolo, nonostante ne abbia molti in gestazione e anche qualcuno a cui basterebbe una sola virgola per essere pubblicato. Ma non ho la forza per aggiungere neppure quella. Quindi me ne resto qui in silenzio, a coltivare l’assenza nel mio piccolo hortus conclusus, che chissà quando potrà dare nuovi frutti e riaprire i cancelli…
La cosa più urgente, per me adesso, è quella di prendermi cura di me stessa, di coccolarmi un po’, di volermi bene, di stare calma e serena. Mi aspetta un mese difficile da affrontare, e voglio cercare di superarlo a testa alta come ho fatto altre volte nel passato, senza cedere alla paura. Nel frattempo, ogni volta che mi sentirò abbastanza serena, passerò a leggervi in punta di piedi, magari senza farmi sentire ma con l’autentico piacere di sempre, perché tanto mi avete dato e continuate a darmi con le vostre poesie, con le vostre letture e belle riflessioni.

Vi lascio in compagnia di Lavinia Meijer, un’arpista olandese di origini coreane; nel video si misura con un famoso brano di Philip Glass, compositore americano di musica minimalista e contemporanea. Un abbraccio e, spero, a risentirci presto.

38 pensieri su “Verso una metamorfosi

  1. A presto, sono certa che tornerai regalandoci momenti interessanti, com’è tua abitudine, che l’attesa avrà impreziosito. Lo stacco farà bene a te e, per noi, aumenterà il piacere di riaverti.
    Auguri per ciò a cui tieni e che ti impegna..
    Un abbraccio

    "Mi piace"

  2. Olga

    Cara Alessandra,
    non ho mai osato a scriverLe (per la mia perenne paura degli errori non essendo di madre lingua italiana). Le auguro che questa pausa possa esse rigenerante e che Lei possa risolvere i problemi che sta affrontando.
    Aspetterò impazientemente il Suo rientro, i Suoi preziosi consigli di lettura! I Suoi testi sono un esempio per me: sono come un faro che illuminano la via!
    Spero a presto.
    Olga

    "Mi piace"

    1. Grazie, non so che dire, non merito tanta considerazione. Se i miei articoli le hanno offerto, ogni tanto, qualche spunto interessante, la cosa non può che farmi piacere. Grazie, di nuovo, per le belle parole. E per quanto riguarda l’italiano, complimenti! Se l’è cavata benissimo.

      "Mi piace"

  3. Cara Alessandra, Anch’io credo come Ivana, che ti rileggeremo presto. …”troppi pensieri, progetti e problemi che si trascinano da mesi senza valide risoluzioni”… credimi, è così per molti di noi, perché vivere si fa complicato ogni giorno di più, ma anche perché la vita è complicata di per sé oppure perché, forse, idealizziamo una condizione di serenità che potrebbe rivelarsi poco attraente e un po’ noiosa.
    In ogni caso, nel rispetto delle tue decisioni, l’invito è a non lasciarti abbattere e a sentire la nostra presenza amica come una confortante testimonianza che non si è mai del tutto soli.
    Un caldo abbraccio.

    "Mi piace"

  4. Renza

    Cara Alessandra,” il vuoto enorme grava su di te”. Bene che tu abbia percepito la soluzione ( a volte ci si dibatte nelle crisi senza capire cosa sia utile fare) e che la pratichi. Come tua lettrice, ti dico ” ne hai facoltà”, e, come altri hanno già scritto, ti aspetteremo pazienti. Un abbraccio e un sursum corda, cara !

    Piace a 1 persona

  5. La musica è bellissima, le crisi non sono piacevoli, ma sono segno di un possibile cambiamento e di un’apertura. Soltanto i soddisfatti di sé e i prepotenti non sono mai in crisi, non sanno nemmeno cos’è.
    Aspetta che evolva con fiducia, interrogati con delicatezza. Maneggiati con precauzione – come vedo che hai intenzione di fare. Se hai bisogno di voci amiche, siamo qui.

    A risentirci presto, e… smack!

    Piace a 1 persona

  6. Capisco che non ti senta da aggiungere neanche una virgola a prodotti praticamente ultimati, mente (e spirito) sono occupati altrove da problemi evidentemente più pressanti. A da passà a nuttata, e poi certamente il rammarico di oggi per quella che vivi come una defezione, svanirà, sicuramente.
    Tornerà il piglio.
    Poi, indipendentemente dai problemi del momento, tutto è ciclico, in ogni caso.
    Yin e Yang, i 7 anni delle vacche grasse e i 7 delle vacche magre, e gli esempi potrebbero seguire a iosa.
    Finisco ancora una volta alla cinese: siediti sulla sponda del fiume e aspetta che il tuo nemico (i fatti avversi nel tuo caso) passi.
    Ce la fai, lo so.

    "Mi piace"

    1. Ti aspettavo, sai? Perché tu riesci, in qualche inspiegabile modo, a strapparmi sempre un sorriso con i tuoi commenti. E mi fa bene la tua presenza, mi aiuta a sdrammatizzare. Ce la farò, ce la farò. Passa ogni tanto da queste parti, giusto per darmi un pizzicotto… così mi sveglio dal letargo.

      Piace a 1 persona

  7. ecco, adesso capisco meglio la generosa valutazione di quel mio bilioso abbozzo di tipologie umane di giorni fa 🙂 🙂 😀 …. non ho mai avuto dubbi circa la resurrezione pasquale, figuriamoci se ne ho per la tua!!! ……. e quindi ti auguro una vistosa e stentorea ripresa tua, in generale, e dell’amor per le lettere in particolare!!!! buone coccole!!! ❤️️💚🧡💜💙💛🖤🤓📈📊🎻🎺🎷🍩🥂

    "Mi piace"

    1. Ohhhhh Deboroh!!! Che bella carica mi hai dato! Le mie auto-coccole si sono rinvigorite e stanno già scoppiettando!! Grazie, grazie!!!!! Quando sarò troppo a terra passerò a leggerti, così mi RI-vitaminizzo subito!! (comunque la porticina del mio blog rimane aperta, sono sempre ben accetti sorrisi, cuoricini, bicchieri di champagne, dolci e quant’altro ;-))

      "Mi piace"

    1. Grazie Luca, come sei carino!! Approfitto dell’occasione per invitare le persone che passano da queste parti a visitare anche il tuo blog, che pur essendo attivo da pochi mesi ospita già una serie di articoli pregevoli e interessanti (complimenti vivissimi per quelli dedicati a Primo Levi/Dante, che tornerò a rileggere con calma). Ricambio l’abbraccio!

      Piace a 1 persona

      1. Lo sai che sono rimasta sconcertata?! 😉 Per il semplice fatto che hai scelto, tra tutte quelle esistenti, proprio questa frase… Devi infatti sapere che ho preso da poco il volume di Milton, Paradiso perduto, perché mi serve per approfondire un’altra disamina, di un altro libro e autore, che sto svolgendo da tempo. Ecco, quando si parla di coincidenze, che poi, forse, non sono appunto tali. Chissà, sembra quasi un monito a non abbandonare la strada…

        Piace a 3 people

  8. Cara Alessandra, intanto ti abbraccio e ti auguro il meglio per qualsiasi cosa tu debba affrontare a breve. Voglio passarti una briciola di forza che la letteratura mi ha sempre dato, anche nei momenti più difficili in cui, davvero con molta facilità, si rischia di cadere e mollare. Dalle tue parole sembra che sai bene cosa devi fare ora e te lo sottolineo (non si sa mai :D): prenditi cura di te, rispettati, gestisci il tuo tempo.
    Aggiungo in una nota di margine: spero che pubblicherai anche qualche articolo imperfetto, con una punteggiatura leggermente imprecisa e qualche concetto magari non completamente chiaro, in fondo anche questo fa parte della ricerca letteraria. Poi ci ritornerai su, cambierai e farai delle modifiche.
    Un caro saluto e a presto. 🙂

    "Mi piace"

    1. Sei molto cara, le tue parole mi confortano. Però il muro adesso è insormontabile, non riesco a scavalcarlo… neppure per pubblicare due righe. Devo prima liberarmi da tante cose brutte introiettate negli ultimi tempi, che mi hanno amareggiata e sfiancata, e devo anche risolvere un problema di salute che mi inquieta non poco. La sensazione è quella di un peso che blocca, che grava sull’anima, e finché non me ne libero… temo di non poter essere utile neppure agli altri. Non voglio che il malessere traspaia dai miei scritti, col rischio di invalidarli. Ma farò di tutto per recuperare le forze e superare il momentaccio. Grazie, ti abbraccio forte.

      "Mi piace"

  9. Eccome se ce l’ho presente questa sensazione, ho avuto questa cosa sulle spalle per tanto di quel tempo… una smania di fare senza esserne in grado, una pesantezza complessiva di cui non si vede l’inizio né la fine. Serve riprendere fiato, è la sola soluzione che con me abbia funzionato, serve trovare il proprio centro, riconnettersi con sé stessi. Io ti aspetto fiduciosa, mi dispiace solo di non averti risposto prima. Buon percorso 🙂

    Una cosa. Sto leggendo Cortazar e ti confermo che mi hai regalato qualcosa di immensamente importante, e non esagero. Approfitto di questo commento per ringraziarti, prima o poi troverò il coraggio di scriverne.

    "Mi piace"

    1. Grazie per l’incentivo, Francesca… non immagini quanto mi abbia fatto bene riceverlo adesso, in questo preciso momento. Sei riuscita a scaldarmi un po’ il cuore. Felicissima poi di sapere che stai leggendo Julio Cortázar; naturalmente resto in attesa di un tuo post dedicato, certa del fatto che sarà non solo ben congeniato e succoso, com’è nel tuo stile, ma anche impostato su note piuttosto alte ;-)… Guarda che ci conto!

      Piace a 1 persona

      1. Ne sono felice, puoi contarci, sappi solo che partirò da “relativamente” lontano, vale da dire da Wallace, perché Cortazar è stata la risposta a una domanda che mi ha tormentato dalla bellezza di 4-5 anni, vale a dire dalla prima volta che ho letto il primo capitolo de Il re pallido. Mica poco. Nel frattempo, coraggio, faccio il tifo per te 😀

        Piace a 1 persona

  10. Alessandra, ho letto tutti i consigli le esortazione e gli auguri che ti sono inviati con affetto e trasmessi dal cuore di ciascuno. Io non posso che associarmi a quanto espresso dagli altri.
    Mi preme soltanto aggiungere il mio profondo grazie a te per aver citato le poesie come una delle scritture che ti danno piacere. E questo lo scrivo subito dopo aver notato sul mio blog i tuoi likes a due poesie (una di Catherine Smits e una mia). Questo tuo piacere è il dono più grande che uno come me (un poeta?) vive e scrive per comunicare la bellezza della vita, anche la più triste, perché c’è in essa sempre e soltanto la dignità dell’Uomo, che va difesa ad ogni costo. Che è poi il senso del tuo scrivere, del tuo recensire, del tuo mostrare al mondo le capacità umane. Niente potrà fermarti. Tornerai a scrivere, perché scrivere è come respirare. A volta càpita di respirare a bocca chiusa. Ma quando la bocca tornerà ad aprirsi, tornerà a toccare l’animo di tutti noi.
    Grazie!

    Piace a 1 persona

    1. Grazie a te, Marcello. Considero la poesia un nutrimento per l’anima, quindi passo spesso e volentieri sulle pagine che la trattano. Nel tuo commento hai scritto cose belle e condivisibili, che possono essere valide per tutte le persone che stanno passando un momento di crisi. Scrittori o poeti che siano, ma anche semplici lettori. E per quanto ti concerne, certo che sei un poeta, non è questione da mettere in dubbio…Tutti quelli che sanno dare voce al cuore sono dei poeti, anche nel caso non traducano le loro emozioni in versi. La poesia può racchiudersi anche solo in un gesto, un sorriso, una carezza, a noi il compito di scorgerla e apprezzarla. Fin che ci è possibile farlo.

      Piace a 2 people

Rispondi a Mrs Fog Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...