Il cattivo lettore

Ricollegandomi al post precedente, mi sento di riconfermare l’incanto suscitato dalla scrittura di Amos Oz, di cui sto leggendo Una storia di amore e di tenebra. Non mi era mai capitato di passare con tanta facilità dalla commozione al sorriso e poi di nuovo dal sorriso alla commozione, tutto nel giro di una pagina, di un breve battito d’ali… Il modo in cui l’autore rielabora alcuni episodi della sua infanzia e del rapporto avuto con la madre, morta suicida quando lui era ancora bambino, è talmente schietto e sentito, pieno di rabbia e dolore ma anche carico di profondo e smisurato amore (oltre che incline allo scavo interiore nel tentativo di capire, di lenire le ferite), che è impossibile riuscire a renderlo in un modo degno in un post, bisogna proprio leggerle, quelle vibranti ed emozionanti pagine, per rendersi conto della loro effettiva portata.
L’incanto del romanzo consiste anche nel fatto che è costellato di episodi curiosi, se non perfino bizzarri e movimentati, come quello che vede l’autore, bambinetto curioso, inoltrarsi nei meandri di un negozio arabo tra selve di tessuti e abiti fluttuanti, “un dedalo di sentieri tiepidi, penombrosi, profumati e densi”, perché attratto dalla comparsa di una piccola misteriosa fanciulla: qualcuno l’ha letto e se lo rammenta, questo magnifico brano? Impossibile dimenticarselo, dal momento che tiene col fiato sospeso fino all’impensata, divertente e per certi versi terrificante conclusione! Mentre in altre pagine i riferimenti interessanti a titoli/autori poco conosciuti, almeno nel nostro paese, fanno nascere anche nel lettore più infiacchito il desiderio di saperne di più… Stuzzicata a dovere, mi sono infatti procurata un libro di Shamuel Yosef Agnon, di cui magari avremo modo di parlare in altra occasione.
Adesso vi propongo invece un altro brano di Amos Oz, quasi una sorta di piccolo saggio incastonato nel romanzo, piacevolissimo da leggere e sempre attuale per le riflessioni avanzate, che oltretutto ci riguardano poiché rivolte a noi lettori… Un pezzo così sagace, brillante e anche ironico nel modo di sviscerare il nostro rapporto con la lettura, che di mio non vorrei proprio aggiungere altro, lasciando semmai spazio alle vostre opinioni, se e quando ci saranno.

Buon divertimento! E soprattutto buone riflessioni, alla faccia dell’estrema ondata di caldo che fa sudare, ansimare (e anche imprecare) i nostri già spossati neuroni.


Ogni storia che ho scritto è un’autobiografia, nessuna è una confessione. Il cattivo lettore nutre una costante ansia di sapere, subito e immediatamente, “che cosa è successo in realtà”. Qual è insomma la storia dietro la storia, di che cosa si tratta, chi è contro chi, chi scopava con chi per davvero. “Professor Nabokov,” domandò una volta un’intervistatrice durante una diretta televisiva americana, “professor Nabokov, ci dica per favore, are you really so hooked an little girls?”
Anch’io mi merito di tanto in tanto qualche intervistatore infervorato, pronto a domandarmi, accampando un “diritto del pubblico di sapere”, se mia moglie mi sia servita da modello per la Chana di Michael mio, o se la mia cucina è sporca come quella di Fima… A volte mi chiedono: perché non ci racconta chi è in realtà la ragazza de Lo stesso mare? O magari anche lei ha avuto per caso un figlio che per un certo tempo è sparito in Estremo Oriente? E che cosa c’è in realtà dietro la tresca fra Yoel e la vicina, Annemarie, in Conoscere una donna? E chissà se acconsente a dirci, con parole sue, di che cosa parla veramente il romanzo Il riposo giusto?
Che cosa vogliono, in fondo, questi intervistatori impudenti, da Nabokov e da me? Che cosa vuole il cattivo lettore, cioè quello pigro, sociologo, pettegolo-guardone?
Nel peggiore dei casi, armati di un paio di manette di plastica, vengono da me a prendermi il messaggio, vivo o morto. Esigono “l’ultima parola”. “Che cosa voleva dire il poeta”, vengono a riscuotere. Basta loro ch’io consegni “con parole mie” il messaggio sovversivo, o la lezione morale, l’immobile politico, la “concezione globale”. Invece di un romanzo, conviene dar loro qualcosa di più concreto, qualcosa che abbia i piedi per terra, qualcosa di tangibile, uno slogan simil “l’occupazione è deleteria” o “la clessidra del divario sociale segna il tempo”, o anche, “l’amore trionfa” o “le classi dirigenti sono marce”, “le minoranze oppresse”. In breve: si ha da porgere loro, imballati in sacchi di plastica da cadavere, le mucche sacre macellate all’uopo nel tuo ultimo libro. Grazie molte.
A volte sono anche disposti a rinunciare alle idee e financo alle mucche sacre, si accontentano della “storia che c’è dietro la storia”. Vogliono i pettegolezzi, insomma. Vogliono una soffiata. Che gli si dica che cosa ti è successo per davvero, nella vita, non quello che, dopo, ne hai scritto nei tuoi libri. Vogliono scoprire finalmente, e senza eufemismi né ammennicoli, chi veramente ha fatto quel che ha fatto, con chi, e come, e quanto. Questo è tutto quel che vogliono, niente di più. Shakespeare in love, Thomas Mann che rompe il silenzio, Dalia Ravikovitz snudata, la confessione di Saramago, l’intensa vita erotica di Leah Goldberg.
Il cattivo lettore pretende da me che speli per lui il libro che ho scritto. Esige che io con le mie mani getti nella spazzatura i miei acini, e offra a lui solo i semi. Il cattivo lettore è una sorta di amante psicopatico che aggredisce e strappa i vestiti della donna capitatagli a tiro, e quando quella è completamente nuda continua, scorticandola, poi scartando con impazienza la carne, smontando lo scheletro, finché alla fine – spezzate ormai le sue ossa fra i denti gialli che si ritrova – solo allora è soddisfatto: ecco. Adesso sono proprio dentro. Sono arrivato. Dove, è arrivato? Ritorno al vecchio, trito, banale schema, al mucchio di vecchi stereotipi che, come tutti, il cattivo lettore conosce da un pezzo e per questo ci sta comodo: ma certo, i personaggi del libro sono in fondo nient’altro che lo scrittore in persona, i suoi vicini, e lo scrittore o i suoi vicini di casa, ovviamente, per quanto brave persone, dopo tutto sono sozzi come tutti noi. Prova a spellarli e arrivare al dunque, troverai sempre che “uno vale l’altro”. Questo è proprio ciò che il cattivo lettore cerca famelicamente (e trova) in ogni libro.
Ma c’è dell’altro: il cattivo lettore, e al par di lui anche l’intervistatore impudente, tratta sempre con una sorta di diffidenza ostile, con un risentimento puritano, ipocrita, la creatività, l’invenzione, l’accorgimento, l’esagerazione, i riti del corteggiamento, l’ambivalenza, la musicalità, la musa, l’ispirazione in sé: si degna magari ogni tanto di rivolgere un’occhiatina alla creazione letteraria nella sua complessità, ma solo a condizione che gli venga concesso a priori quell’appagamento “sovversivo” che sta nel macellare le vacche sacre o quello censorio cui sono assuefatti i fanatici consumatori di scandali e “rivelazioni” nel menù offerto dalla stampa specializzata.
Il cattivo lettore è insomma appagato dal fatto che il grande Dostoevskij, proprio lui, fosse vagamente sospettato di una torbida propensione a rapinare e poi assassinare anziani, mentre William Faulkner era certamente incline all’incesto, e Nabokov aveva rapporti con minorenni, Kafka era tenuto d’occhio dalla polizia (e si sa bene che non c’è fumo senza arrosto), mentre Yehoshua appiccava il fuoco ai boschi del Fondo nazionale (se c’è fumo, c’è anche arrosto), per non parlare di quel che Sofocle fece a suo padre e alla sua povera mamma, perché altrimenti come avrebbe saputo descrivere tutto con tale vividezza, proprio dal vivo, anzi più che dal vivo? [……]
Chi cerca il cuore della storia nell’interstizio fra la creazione e il suo autore si sbaglia: conviene invece cercare non nel campo fra lo scritto e lo scrittore, bensì in quello che sta fra lo scritto e il lettore.
Non che non ci sia nulla da trovare fra il testo e l’autore – c’è sì spazio per una ricerca biografica, anche il pettegolezzo ha una sua grazia, e l’indagine sullo sfondo biografico delle opere letterarie ha una sua prudente dignità. Forse, il pettegolezzo non va disprezzato: è il cugino popolare delle belle lettere. In verità queste ultime di solito non si degnano nemmeno di rivolgergli un saluto per strada, ma non si può ignorare quella creatività domestica che sta fra l’uno e le altre, che è poi l’impulso eterno e universale a spiare i segreti del prossimo.
Chi non ha mai goduto dei favori del pettegolezzo scagli dunque la prima pietra. Questi favori, del resto, non sono altro che un batuffolo rosa inzuppato in una montagna di zucchero. L’estetica del pettegolezzo è lontana da quella di un buon libro come una gazzosa dolciastra lo è da tutte le tonalità del cibo, dall’acqua naturale e anche da un vino pregiato.
Quand’ero piccolo, due o tre volte per Pasqua o per Capodanno mi portarono allo studio fotografico di Edi Rugoznik sulla spiaggia Bugrashov, a Tel Aviv. Da Edi Rugoznik c’era un enorme mister muscolo, una montagna d’uomo dipinto, ritagliato nel cartone e appoggiato con la sua schiena di cartone a due colonne, un minuscolo costume da bagno teso sui lombi taurini, e montagne di muscoli, montagne, un torace smisurato, peloso e abbronzato. Questo gigante di cartone aveva un buco al posto della faccia, e dietro c’era uno sgabello con gli scalini. Ti spedivano a fare il giro dell’eroe da dietro, ti arrampicavi su per i due gradini, tendevi alla macchina fotografica la tua testolina, attraverso il buco che quell’Ercole aveva al posto della faccia; poi Edi Rugoznik ti ingiungeva di sorridere, non muoverti né strizzare gli occhi, e scattava. Dopo dieci giorni andavamo a prendere le fotografie, dentro le quali il mio faccino pallido e serio si ergeva sopra quel collo taurino e nerboruto, circondato dalle chiome di Sansone, legato alle spalle di Atlante, al petto di Ettore, alle braccia di Colosso.
Allora, ogni opera letteraria ci invita, in fondo, a infilare la testa dentro una figura o un’altra del repertorio di Edi Rugoznik.
Invece di tentare di mettere la testa dell’autore, come fa il lettore banale, forse sarebbe meglio provare a incastonare in quell’apertura la nostra di lettori, e vedere l’effetto che fa.
In altre parole: lo spazio che il buon lettore preferisce ricavarsi mentre legge non è quel terreno che sta fra lo scritto e il suo autore, bensì fra lo scritto e noi stessi: “Quando Dostoevskij era ancora studente, avrà davvero ucciso e derubato vecchie vedove?”. Prova tu, invece, lettore, a metterti al posto di Raskolnikov, per sentire il terrore e la disperazione e la meschinità bruciante frammista a un’arroganza napoleonica, e la megalomania e la febbre della fame e la solitudine e lo spasimo e la stanchezza insieme alla nostalgia della morte, per tentare un paragone (sui cui esiti si serbi il segreto), non fra i personaggi della storia e gli scandali scovati nella vita dell’autore, bensì fra i personaggi della storia e l’io di te, quello segreto, quello pericoloso e disgraziato, folle e criminoso, la creatura spaventosa insomma che tieni imprigionata sempre nel profondo di te stesso, nella cella di isolamento più buia, così che nessuno al mondo possa mai sospettarne l’esistenza – né i tuoi genitori, né i tuoi affetti, perché altrimenti scapperebbero via in preda al panico, come si fugge da un mostro. Ecco che quando leggi le storie di Dostoevskij, sempre che tu non sia il lettore pettegolo e invece quello buono, allora puoi trattenere quel Raskolnikov dentro, nelle tue cantine, nei tuoi meandri più oscuri, dietro le grate e dentro la cella, così da incontrarsi con i tuoi scheletri più terrificanti e inconfessabili, paragonare quelli di Dostoevskij ai tuoi, che nella vita normale non potresti mai accostare a nulla perché dove troveresti il coraggio per presentarli di fronte a chicchessia, nemmeno in un bisbiglio, nemmeno fra le lenzuola, all’orecchio di colui o colei che trascorre la notte con te e che lì per lì, avvolto nel lenzuolo, scapperebbe via il più lontano possibile da te, urlando con terrore.
Così, Raskolnikov stempera un poco l’onta e la solitudine di quella cella d’isolamento in cui ognuno di noi è costretto a condannare all’ergastolo il proprio prigioniero interiore. Questo è il potere consolatorio dei libri, di fronte al dramma dei nostri più inconfessabili segreti: non solo del tuo, caro amico mio, perché in fondo siamo tutti come te: nessun uomo è un’isola, piuttosto siamo tutti delle penisole, circondate quasi interamente da un’acqua nera, ma comunque collegate alle altre penisole. [……]


Snoopy
Ecco, non so se sono una cattiva lettrice, forse non mi riconosco del tutto nel profilo tracciato più sopra da Amos Oz (dai, un po’ pettegola sì!), però da un po’ di tempo ho rallentato di brutto il ritmo della lettura, quindi mi rispecchio piuttosto nelle reazioni del simpatico Snoopy, in quelle magari sì…

22 pensieri su “Il cattivo lettore

  1. Cara Alessandra, è da tanto che non ci si sente e figurati se mi lascio scappare l’occasione di scambiare quattro chiacchiere. L’estratto che hai riportato è un magnifico pretesto, non potevi offrirmi bersaglio migliore.
    Mi spiego: lessi a suo tempo, quel titolo di Oz e mi piacque, ricordo solo degli sprazzi che, convengo, trovai simpatici o comunque interessanti. È passato molto tempo, quindi, non ricordo il passo che tu riproduci e leggerlo ora mi lascia molto perplesso. Probabilmente a suo tempo l’ho saltato a piedi giunti. Dirà anche delle cose giuste ma il modo è complesso, enfatico, da farmi rivalutare la presenza degli editor – degli editor senza complessi per il nome dell’autore. L’editor di Carver, che pare sia il vero deus-ex-machina del valore di Carver – minimalista – qui avrebbe avuto da sfoderare a piene mani la sua matita blu. Non sarà forse il caso di tirarlo in ballo, però una maggiore semplicità e sintesi, più diretta, penso avrebbe giovato.
    Aspetto il tuo pizzico di arsenico, prima di sorbire la tua risposta, la farò prudentemente assaggiare dalla gatta.
    Un abbraccio.

    Piace a 2 people

    1. Ah, ma lo sai bene che tendo ad apprezzare diversi stili narrativi, da quello minimalista o asciutto di un Carver e di un Hemingway fino a quello fiorito, pletorico e a volte esplosivo di un Landolfi e di un Gadda, per poi neppure declinare, così en passant, l’introspezione fluente e verbosa di un Màrai. Poi ognuno fa le sue scelte in fatto di letture, tutte sacrosante e legittime. L’amato Amos Oz, oltre ad apparire irresistibile ai miei occhi, mi tocca parecchio anche delle corde interiori in alcuni capitoli, e comunque i tratti che definisci enfatici a me paiono stemperati da una deliziosa e sottile ironia. Un baciotto alla gatta, naturalmente senza arsenico 😉

      Piace a 3 people

  2. Ciao Alessandra, ben ritrovata!! Il libro non l’ho letto, ma, visto come ne parli, lo metto subito in lista. E poi questo brano, la sua ironia e le verità che contiene, sono davvero notevoli. Tempo fa avevo letto “Non dire notte” e mi era piaciuto moltissimo. Anzi magari, lo rileggo e lo recensisco mentre non mi sembra di vederlo molto.
    Ciao e buone vacanze!

    Piace a 1 persona

    1. Un’esperienza di lettura che merita, a mio parere. Anche per cercare di comprendere meglio la situazione tormentata di quegli anni, cioè quella subito antecedente e poi successiva alla nascita dello stato di Israele, caratterizzata da varie problematiche ancora oggi in gran parte irrisolte. Una lettura che però richiede anche molta concentrazione, sia per i numerosi personaggi e le citazioni letterarie, sia per i frequenti slittamenti nel tempo.

      Piace a 1 persona

  3. “Una storia di amore e di tenebra” è un grande libro, che si apprezza sempre di più ad ogni rilettura, perché ogni rilettura illumina livelli diversi, del libro. Il passo che hai citato (mi limito a questo) descrive benissimo il perché personalmente non vado mai a presentazioni di libri, ad “incontri con l’autore”, a fiere letterarie. Uno dei motivi è proprio il mio non sopportare domande imbecilli cui la vittima del momento (costretta a sottoporsi a questi allucinanti tour da esigenze di mercato) è comunque obbligata a rispondere in maniera possibilmente educata. Poi, certo, ci sono i narcisisti assatanati cui tutto questo piace (avrei in mente alcuni nomi) ma ci sono anche quelli che, per fortuna loro e nostra riescono o a non prestarsi affatto a queste sceneggiate o, se proprio costretti, a dribblare alla grande le domande imbecilli. E il mio pensiero va, ancora una volta, e con reverenza, a Nabokov. Che, ripeto, non è un caso che venga citato da Oz.

    Piace a 3 people

    1. Condivido molto la tua riflessione. No, non è un caso che Oz nomini Nabokov nel suo testo, anche per il fatto che Nabokov, l’ho scoperto da poco, aveva parlato anche lui del cattivo lettore in una di quelle famose lezioni americane che prima o poi vorrei leggere, pubblicate in Italia da Garzanti, se non sbaglio. Adesso non ricordo dove avevo visto l’articolo che ne parlava, ma pare che con quel termine intendesse riferirsi a chi mescola alla lettura di un testo tutta una serie di considerazioni personali che sono estranee al testo stesso e che allontanano da una corretta interpretazione. C’è magari chi lo fa senza rendersene conto, perché non è capace di rimanere lucido e obiettivo durante la lettura, ma c’è anche chi lo fa in malafede, per forzare e piegare il significato del testo a ciò che gli fa più comodo o gli conviene, così da caldeggiare le proprie posizioni politiche, morali, religiose o quant’altro… Che poi è quello che fa intendere, con altre parole, anche Oz nel suo pezzo.

      "Mi piace"

      1. Nabokov parla spesso dei “cattivi lettori”. Lo fa direttamente, come nelle Lezioni americane (che essendo io in questo momento oltre frontiera non ho con me e non sono dunque in condizione di rivedere e di citare adeguatamente) e molto, anche, attraverso la sua opera narrativa (penso ad esempio a “La vera vita di Sebastian Knight” e “Fuoco pallido”) ma soprattutto lo fa in quella deliziosa raccolta di interviste pubblicata da Adelphi con il titolo “Intransigenze”, in cui Nabokov si diverte spesso a menare per il naso con ironia sopraffina i suoi più o meno illustri intervistatori😋

        Secondo me va benissimo la lettura ultra-soggettiva (la questione può riguardare qualunque autore di qualunque ambito creativo) e va anche benissimo una lettura critica che cerca un confronto con una lettura critica fatta da professionisti cercando di mantenere lucidità di giudizio.

        Tutto sta (ma pur essendo concetto banale, non è affatto semplice metterlo in pratica) avere *sempre* consapevolezza, quando si esprime un parere, un gradimento, un non gradimento, da quale di questi livelli/punti di vista stiamo, in quel momento, dicendo la nostra.

        Si può, è lecito detestare un autore, un libro con tutte le proprie forze ammettendone però il suo valore, come è anche lecito, a mio parere, il contrario (amare un libro pur ammettendone le carenze qualitative). Personalmente potrei esibire una lunga lista di mie letture che rientrano nell’una o nell’altra categoria. Quello che non è lecito è mescolare i livelli, confondere le acque, cercare di spacciare una risonanza squisitamente personale per una valutazione qualitativa oggettiva. Purtroppo, troppo spesso è questo lavoro di separazione che molte persone non sanno o non sono disponibili a fare. Non si spiegherebbero altrimenti tanti commenti che si leggono in giro specialmente sui social che liquidano o esaltano il tale o il talatro romanzo, il tale o talatro autore con apodittici “bellissimo! Capolavoroooo!” O, al contrario “Orrendo! Una ciofeca!” Senza mai, in un caso o nell’altro, prendersi la briga di fornire nemmeno uno straccio di argomentazione…
        Scusa lo sproloquio, ma mi sento molto solidale con Oz, Nabokov e…Marcel Proust, il Gran Maestro dei depistatori biografici ed autobiografici.
        Ciao e grazie per la pazienza 🙃

        Piace a 2 people

  4. Questo scritto di Oz mi fa venire in mente alcune canzoni, quelle in cui Guccini e Vecchioni sono arrabbiati, delusi e si scagliano contro la critica, il pubblico che taglia i panni addosso. Certo per temi differenti ma credo che se diventi un personaggio noto e conosciuto e accetti il mercato questa è la gogna che ti aspetta. Motivo per cui scelgo le presentazioni di libri a cui assistere e probabilmente quelle di saggi sono meno soggette al ‘pettegolezzo’ (anche se non ritengo il pettegolezzo questa cosa cattiva, in fondo la capacità di stare insieme si fonda sulla chiacchiera e curiosità).
    Ciò che mi piace di più dello scritto che ci hai presentato è quello “spazio tra lo scritto e noi stessi” che fa la differenza nella lettura. Oz lo chiama ‘buon lettore’ chi riesce a far riflettere dentro se stesso le immagini e parole che legge. Credo che sia ciò che la lettura offre di meglio e che provi ogni lettore, sia che si affidi solo all’emozione sia che produca pensieri più elaborati.
    La dicotomia che fa Oz mi pare un tantino esasperata. Forse i due modi posso anche coesistere.
    Interessante la tua proposta.
    Ciao 🙂

    Piace a 2 people

    1. La critica di Oz è solo verso i casi più esagerati, non riguarda le vie di mezzo, a un certo punto infatti lo scrive che un po’ di pettegolezzo, inteso come indagine biografica, va anche bene. La parte più interessante, come hai giustamente sottolineato, è quella in cui sostiene l’utilità di cercare non nel campo fra lo scritto e lo scrittore, bensì in quello fra lo scritto e noi stessi, in modo da favorire un’analisi interiore, un’eventuale presa di coscienza. Nei giorni scorsi questa cosa mi è capitata proprio leggendo un episodio del suo romanzo, al punto che ho dovuto fermarmi per tirare il respiro e fare una lunga pausa. Però mi è servito molto, davvero molto, riflettere su quella parte che mi aveva tanto scombussolato.

      "Mi piace"

  5. Interessante il pezzo di Oz (uno scrittore che conosco poco), anche se tendo a pensarla come Guido: la tira un po’ in lungo e esagera con le metafore e le similitudini.
    Ma il punto è senz’altro cruciale, ed è in fondo quello fra Proust e Sainte-Beuve: il rapporto fra la biografia dell’autore e la sua opera. Io tendo a pensarla come Proust: che l’opera debba essere letta (e scritta) come slegata dall’io empirico dell’autore. Anche il consiglio di Oz, di cercare un rapporto fra i personaggi e noi come lettori – o meglio la nostra parte oscura e vergognosa – lo trovo interessante e giustificato, ma fa sempre riferimento a un’opzione “psicologica” che non è la mia. E poi – fortunatamente – non tutti i grandi autori sono ossessionati dal male e dal lato oscuro come Dostoevskij.
    Ciao e buona estate torrida!

    Piace a 1 persona

  6. Renza

    In effetti, cara Alessandra, il brano del nostro amato Oz è un pochino eccessivo, soprattutto in certi esempi… Uno stile inaspettato in una scrittura come la sua, spesso gentile, simile a un ricamo o a un minuetto ( penso a Non dire notte); o di pacata fermezza ( penso a Contro il fanatismo). Ho pensato che, mentre scriveva quel pezzo al vetriolo, avesse in mente più che una tipologia una persona ben precisa che lo aveva molto irritato.
    Quanto al tema del cattivo lettore, molto è già stato detto nei commenti precedenti, e non potrei dire meglio. Lo spazio tra il testo e chi legge è quello che dà senso ed emozione alla lettura. Quanto sottosuolo troviamo in noi, quanto di indicibile.
    Sto rileggendo Morte a Venezia grandioso e quante identificazioni…
    Come dice Thomas Mann Gli uomini non lo sanno perchè attribuiscono fama a un’ opera d’ arte. Ben lontani dalla competenza credono di scoprirvi cento virtù per giustificare tanto interesse; ma la ragione vera del loro plauso è una cosa imponderabile, è simpatia. Dunque risonanza, ritrovarsi in quello spazio. Un caro saluto.

    Piace a 3 people

    1. Secondo me è ironia bonaria mascherata da una punta di polemica e non viceversa. Si è voluto un po’ divertire, il nostro Oz, con questo brano 😉 che nulla toglie alla grande sensibilità che lo contraddistingue. È anche probabile che abbia avuto a che fare con giornalisti invadenti e sfrontati, o con lettori che gli ponevano le domande più assurde relative ai romanzi, ma poi lui ha saputo scherzarci su questa cosa e, pur dicendo quello che probabilmente pensa, è andato volutamente sopra le righe… Personalmente l’ho inteso così, e proprio per questo mi sono divertita a leggerlo. Per quanto riguarda la risonanza, sì… è trovarsi proprio in quello spazio. Non potevi dirlo meglio.

      "Mi piace"

  7. Colpevolmente, non ho mai letto Oz ma queste sue considerazioni sono davvero brillanti. Aggiungo due cose. Nabokov aveva descritto il buon lettore, l’eccellente lettore, nelle sue lezioni di letteratura che aveva tenuto negli Stati Uniti negli anni cinquanta. Non mi piace fare spam, ma non trovo altri siti in cui è riportata la sua definizione se non il mio blog, questo è il link se ti può interessare: https://grafemi.wordpress.com/2010/10/30/il-buon-lettore-secondo-nabokov/

    Piace a 1 persona

  8. La seconda cosa: tutto questo post, comprese le tue osservazioni sul libro, mi hanno fatto pensare che forse potrebbe piacere anche a te uno dei miei autori preferiti, che è Nicola Pezzoli. Se pensi che possa interessarti, ti mando qualche informazione in più. 😊 grazie per il lavoro prezioso che porti avanti con questo blog, a presto!

    Piace a 1 persona

  9. Finito un giallo (islandese, sic!), ho ripreso (come sopra ti aveva accennato) il titolo di Oz. Avendolo letto molto tempo fa, ora ho la fortuna di averne delle ombre informi e quindi di riscoprirlo pressoché come nuovo. Sono agli inizi, ed è una delizia. Il passo della telefonata (mensiel!) a Tel Aviv è un capolavoro. Ma tutta la scrittura è brillante.
    Un salutone!!!! (Il caldo rende molto espansivi… aggiungo un abbraccio)

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...