Tag

, ,

caffè3Stupita e divertita dalla chiavi di ricerca che conducono al mio blog, vi passo di nuovo in rassegna quelle più buffe degli ultimi mesi, pescate dalle solite statistiche di wp… Niente di che, solo per ravvivare la tipica monotonia del lunedì mattina, quando ancora si fatica ad ingranare la marcia per affrontare la settimana…

solitario ma non troppo

Piacere di conoscerti. Per quanto mi riguarda, socievole ma non troppo. In fondo c’è ben poca differenza tra noi due, siamo perfino interscambiabili.

e fortuna che oggi non tira vento

Già, così non devo andare come al solito a raccattare la biancheria sul balcone del vicino… Che ormai, essendo già al corrente della marca, del colore e della taglia delle mutandine che indosso, ci mancherebbe anche che venisse a scoprire i segreti del reggiseno.

mi fumo pavese l’anima

Questa me la devi spiegare meglio, che mica l’ho capita.

il barnabo delle montagne online

Ma dai, ha aperto pure lui un blog? Quando ritorni da queste parti segnalami il link, che non ci ho mai creduto che se la passi tanto male a fare il guardaboschi (secondo me con i briganti ci gioca infatti a carte, altro che a nascondino!)

pinguedine occhiali d’oro lane inglesi

Ritratto conciso di Athos Fadigati; la tua sintesi batte addirittura il San Bignami, refugium peccatorum di ripassi fulminei per studenti pigri.

narrazione per bambini la chimera

Guardate, se intendete punire il figlioletto per qualche marachella siete capitati sul libro giusto. Vi consiglio in particolare i capitoli che parlano delle superstizioni legate al diavolo e delle torture inflitte dalla Santa Inquisizione alla strega di Zardino, da leggere magari con timbro di voce cavernoso e occhi spiritati. Un effetto collaterale da non trascurare è la conseguente insonnia del pargolo e il suo graduale trasbordo nel lettone dei genitori, dove per tutta la notte tirerà calci agli stinchi degli stessi. E ve li meritate tutti eh, procreatori degenerati che non siete altro, ma proprio tutti!!

mentre la penetro lei parla

La parola è femmina, rassegnati. Spero solo che in quel fatale momento ti dica qualcosa di eccitante, tralasciando di ripeterti i dettagli del battibecco avvenuto in ufficio o quelli dell’ultimo modello di scarpe adocchiato in vetrina.

oh una tua tenerezza in questa sera maledetta mi ridarebbe

Uff, un altro nostalgico dei bei tempi che furono! Ahimè, devo aver perso il conto degli spasimanti che mi sono lasciata alle spalle…

mi e’ arrivato un pavone a casa cosa vuol dire

Forse che ti sei fatto un bel pranzetto, magari con contorno di patate e carciofi alla romana, il tutto annaffiato da un buon bicchiere di rosso umbro?

sono fuori luogo ovunque non sono ne re ne fante

“…non sono un Otto e neppure un Asso. Sono come mi vedete, cioè soltanto un Jolly, e ho dovuto scoprire da solo chi è un Jolly.” Yeah, stavolta hai fatto centro amico, il posto giusto l’hai trovato: catapultato nel mazzo di carte che ti serviva!

la serenita è di sapersi transitori

Oh, finalmente un googloiano illuminato, che sparge semi di saggezza lungo il percorso arduo della vita e quello altrettanto arduo delle stringhe di ricerca…

poesie messicabe cobtemporanee

Poesie messicabe cobtemporanee? Toh, un genere che non conosco. E pensare che credevo di aver tastato quasi tutto in campo letterario.

la banalità del male no risèarmia critiche al popol ebraico

Te gai propri resòm, ghe masa zent che ciacera e basta!


Nota per gli eventuali visitatori ignari e disorientati: queste stringhe di ricerca compaiono nel lettore statistiche del blog che gestisco, in una sezione interna e riservata, ma l’identità delle persone che le hanno digitate per arrivare fino alle mie pagine rimane del tutto sconosciuta. Pertanto tranquillizzatevi, non riuscirò mai a risalire all’indirizzo IP di chi mi visita online, quindi anche lo sfigato che ha il problema dell’amplesso disturbato dalle chiacchiere può dormire sonni tranquilli (sempre che ci riesca, perché magari la solita lei parla anche nel sonno, tant’è la forza dell’abitudine).

Annunci