Book Nomination

imagesHo ricevuto dalla simpatica Lettrice Segreta il Book Nomination, un nuovo tipo di scambio/condivisione tra blogger che prevede di postare una citazione tratta da un libro seguita poi dalla nomina di altri cinque blogger che a loro volta possono, se lo desiderano, perpetuare la mission sulle loro pagine. Mi sono documentata un po’ in giro, e ho letto che il “book-nomination” è nato su facebook in contrapposizione alla “nek-nomination”, che prevedeva la realizzazione di un video dove il nominato doveva ingurgitare nel minor tempo possibile una grossa quantità di alcool, con la successiva nomina di altri sciagurati che lo seguivano a ruota. Poi qualcuno di intelligente ha deciso di spezzare questa catena nociva inventandosi il book-nomination, dove il nominato invece del bicchiere prende in mano un libro, ne sceglie un brano tra quelli che preferisce e lo riporta nella sua pagina citandone autore e titolo, invitando poi gli amici a fare altrettanto. Non so fino a che punto questa storia sia vera, però nel suo finale non mi è dispiaciuta, e visto anche che tale compito non implica un grosso impegno in termini di tempo ho deciso di onorarlo. Inoltre penso anche che questa iniziativa, se è nata veramente per contrastare l’abuso di alcol tra i giovani sostituendolo con l’amore per i libri e la lettura, non sia da sottovalutare… ma anzi da promuovere.

A parte questo, sarei anche curiosa di sapere quale particolare “passaggio” di quale particolare “libro” (romanzo, poesia, saggio) vi è rimasto particolarmente impresso nella mente (o nel cuore), al punto di non dimenticarlo o di rileggerlo con piacere più volte, magari anche a distanza di tempo. Immagino che come me ne avrete molti per la testa, ma purtroppo bisogna fare i bravi lettori, ossia contenere le proprie sviscerate passioni e limitarsi a sceglierne uno.

La mia citazione è tratta da Cavalli selvaggi di Cormac McCarthy:

I cavalli si mossero. John Grady lanciò il lazo al primo del gruppo che, afferrato alle gambe anteriori, cadde a terra con un tonfo tremendo. Gli altri schizzarono via e s’ammucchiarono a guardare la scena terrorizzati. Prima che il puledro potesse alzarsi, John Grady gli si sedette sul collo, gli torse la testa e se la strinse al petto tenendolo per il muso e sentendo sulla faccia e sul collo il fiato caldo e dolce dell’animale dilagare dai tenebrosi abissi delle froge come notizie da un altro mondo. Quegli animali non sapevano di cavallo. Sapevano di quel che erano. Sapevano di bestie selvatiche. Mentre gli serrava il muso contro il petto, il ragazzo sentì pulsare contro le proprie cosce il sangue dell’animale e percepì l’odore della sua paura. Allora gli mise una mano sugli occhi e l’accarezzò, e continuando ad accarezzarlo per fargli passare il terrore gli spiegò in tono pacato e fermo tutto quello che intendeva fare.

Blog che nomino
(scelgo tra quelli che non ho già premiato in passato e che seguo da poco tempo su wordpress):

http://tommasoaramaico.wordpress.com/

http://theomegaoutpost.wordpress.com/

http://apinaperniciosa.wordpress.com/

http://iltemporubato.wordpress.com/

http://langolinodiale.wordpress.com/

Ecco, adesso vedete un po’ voi se avete voglia/tempo/interesse di proseguire con le book-nomination sul vostro blog, altrimenti, chi lo desidera, può anche postare la sua citazione libresca in coda a questo post. Così, tanto per non lasciare inappagata la mia curiosità. Anche per conoscerci meglio. E questo invito è aperto naturalmente a tutti, non solo ai nominati.

18 pensieri su “Book Nomination

  1. Oedipa_Drake

    Grazie, Alessandra!

    Riporto una citazione di una delle mie scrittrici preferite, Virginia Woolf, tratta da “La signora Dalloway”:

    “Che sciocche che siamo, pensò attraversando Victoria Street. Lo sa il cielo soltanto difatti perché la si ami così tanto, ciascuno a suo modo, la vita, inventandosela magari, costruendosela ciascuno intorno a sé, disfacendola e creandola daccapo ogni momento.”

    "Mi piace"

    1. Ciao Sonia! A me è sembrata un’iniziativa carina (visto che a tutti noi fa piacere leggere estratti di libri), non so chi sia stato a trasferirla da facebook su wordpress, però forse qualcuno deciderà di continuarla e prima o poi capiterà anche a te! 😉

      "Mi piace"

  2. Avevo sentito parlare di questa iniziativa su facebook, ma non pensavo fossero la stessa cosa… Su quel social ne inventano una al giorno, non sai mai quale poi prende la sua strada su altri spazi web!

    Comunque la trovo un’iniziativa bellissima e approfitto del tuo angolo per condividere un altro estratto!

    “Si trovarono a una ventina di iarde uno dall’altra, e il suo apparire era così improvviso, ch’era ormai impossibile evitare il suo sguardo. Subito i loro occhi s’incontrarono e a ciascuno il viso avvampò del più intenso rossore. Egli ebbe un vero e proprio soprassalto e per un attimo sembrò immobilizzato dalla sorpresa”
    Jane Austen, ORGOGLIO E PREGIUDIZIO

    Grazie per aver continuato! Un abbraccio ❤

    "Mi piace"

  3. anche se non sono stata nominata, mi permetto di partecipare 🙂 … ecco la mia citazione:

    “Col tempo ho imparato che la gente vive a una velocità maggiore della vita stessa, che è vittima della fretta, che non vuole sorprese né particolari, che si limita ai fatti. Sarebbe interessante sapere dove va. Dubito che lo sappia, e se lo sa ignora la futilità dei fatti, dei bisogni appagati e delle conquiste ottenute. Correre a più non posso le basta e non ha paura di definirsi realista. Mi sarebbe piaciuto essere così, ma non ho mai nutrito interesse per i fatti o per i cibi sottovuoto. Non voglio essere reale. La realtà – riesco ancora a percepirla – è lugubre, inespressiva e trascurata come una tomba senza nome. Per me essere veloce o lento fa lo stesso, il mio ritmo ideale è quello dettato dai particolari, ecco perché le mie storie non sono uniformi, saltano, si accavallano e sono piene di righe”. (tratto da Quello che ancora non sai del Pesce Ghiaccio, di Efraim Medina Reyes)

    "Mi piace"

  4. Grazie mille Alessandra! La Mia citazione sarebbe l’ultima pagina de “Il grande Gatsby”, ma sono a rischio spoiler quindi scelgo questa citazione di Philip Roth, presa da “Ho sposato un comunista”:

    “L’uomo che per primo mi ha insegnato a boxare con un libro ora è tornato per dimostrarmi come si boxa con la vecchiaia. E di un’arte nobile si tratta, nobile e sorprendente, perché nulla t’insegna meno, sulla vecchiaia,che aver vissuto una vita gagliarda e vigorosa.”

    "Mi piace"

      1. Nemesi l’ho letto un paio di mesi fa, credo sia proprio un buon inizio con Roth, anche se poi la “trilogia americana” è, secondo me, il vertice della sua opera, mentre ho più difficoltà con Zuckerman protagonista. Non vedo l’ora di leggere cosa pensi di Nemesi 🙂

        "Mi piace"

  5. Ely

    Posso contribuire anche se non ho un blog? Ho sempre amato la natura e c’è una frase di Muriel Barbery, tratta da L’eleganza del riccio, che mi sono annotata e porto sempre nel cuore:

    “C’è talmente tanta umanità in questa capacità di amare gli alberi, talmente tanta nostalgia dei nostri primi stupori, talmente tanta forza nel sentirsi così insignificanti in mezzo alla natura… sì, è proprio questo: l’evocazione degli alberi, della loro maestosità indifferente e dell’amore che proviamo per loro da un lato ci insegna quanto siamo insignificanti, cattivi parassiti brulicanti sulla superficie terrestre, dall’altro invece quanto siamo degni di vivere, perché siamo capaci di riconoscere una bellezza che non ci è debitrice.”

    "Mi piace"

    1. Ma certo, chiunque può postare una citazione letteraria in coda a questo articolo 😉 Il libro a cui fai riferimento l’ho letto molti anni fa, ricordo che mi era piaciuto… anche se ora non ho in mente un quadro ben definito della trama. Bella la frase, mi piace molto.

      "Mi piace"

  6. Prima di tutto ti ringrazio tantissimo per aver nominato il mio angolino! Ti lascio qui la mia citazione tratta da un libro che ho amato, “Cime tempestose” di Emily Bronte:

    “Ritorno adesso da una visita al mio padrone di casa: l’unico vicino con il quale avrò a che fare. Magnifico paese, questo. Credo che in tutta l’Inghilterra non avrei potuto trovare un luogo così discosto da ogni rumore mondano. Un vero paradiso del perfetto misantropo: e il signor Heathcliff e io siamo fatti apposta per dividerci tanta solitudine. Ma che bel tipo costui! Certo non immaginava quale calore di simpatia sentissi in cuore per lui mentre, avvicinandomi a cavallo, vedevo i suoi occhi neri muoversi, pieni di sospetto, sotto le sopracciglia, e le sue dita sprofondarsi ancor di più, con un gesto di risoluta diffidenza, nel panciotto, all’annuncio del mio nome”

    Trovi qui i miei ringraziamenti : http://langolinodiale.wordpress.com/riconoscimenti-per-il-mio-angolino

    Grazie ancora e a presto!! 🙂

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...